Reviews

Mais um trabalho característico da Carbon 7: sem proposta comercial.
Este disco de John e Pierre prima pela proposta radical de fusão de ritmos orientais, instrumentos acústicos e sintetizados e letras em um idioma também exótico (que humildemente admito não reconhecer).
A tradução do título da música e uma explicação da mesma acompanham o belo encarte em digipack.
Um disco para você mostrar para àquela pessoa chata que acha que está "por dentro" do que acontece na música moderna européia.

Brasil - ROCK PROGRESSIVO - César LANZARINI




Ma cosa fa la Carbon 7? Etichetta di culto con un catalogo molto attento all'avanguardia jazz-rock e RIO, la label belga ha dato l'opportunità a John Litton Baroi di pubblicare un disco francamente inutile: "Zala Zala" non è un brutto lavoro nè siamo tentati di dire che non c'entri nulla con la filosofia di Guy Segers, però è un disco di "global folk" così privo di mordente, con tracce talmente omogenee da sembrare variazioni di un unico tema.

Interessante il contenuto: si tratta di testi sacri e spirituali del Bangladesh, di amore nel senso più aulico ed elevato del termine, che vengono rielaborati in un sound poco attraente. Sicuramente l'apporto di un talento come Pierre Vervloesem. Ascoltata "Tear Nai Tor" si conosce tutto il lavoro: una sorta di curioso reggae/dub-world fuso con l'elettronica, con gli incisivi inserimenti alla chitarra di Vervloesem. "Tor Hashite" ha un feeling più crimsoniano ed elettronico, molto vicino all'esperimento Ashes di Bill Laswell ed Eraldo Bernocchi. E' il chitarrista a dare un tocco rock e un apporto ritmico serrato ed incalzante, vera chicca del disco (vedi ad esempio la coda di vibes in "Kai Gelo" oppure i battiti dinamici e lo slap di "Tor Kotha").

Gli altri brani si allineano sicuramente in quella fusione East-West che vede nei gruppi "bhangra beat" i maggiori esponenti, ad esempio Bollywood Brass Band ma anche i vari Asian Dub Foundation, Transglobal Underground e Fun-Da-Mental, band di tendenza ma sicuramente interessanti e meritevoli d'attenzione. il cd di Baroi e Vervloesem è consigliato ai veri appassionati.

Recensito da Donato Zoppo
East West per l'avangaurdista etichetta belga (Vers. stampabile )
http:// www.movimentiprog.net